Passione per l'elettronica
 

Problema caricabatterie HILTI

Memmeddu 9 Ago 2017 15:01
Ho un problema con un caricabatterie HILTI CU10.
Lo ho aperto e ho trovato il termico del trasformatore interrotto, lo ho
bypassato per fare una prova e si è acceso, non mi dava uscita però.
Ho aperto e ho trovato i tracciati diretti alla batteria valorizzati, allora ho
saldato dei cavi da 1mmq seguendo tutte le tappe, e mi dava uscita, il
caricatore lampeggiava come è giusto che sia però dopo un po' ho notato del
fumo, il cavi che ho messo sono diventati viola.
Inoltre c'è un dissipatore di un mosfett che diventa bollente.

Voi cosa mi consigliate, che sezione di cavo mi consigliate di usare?
Il caricatore riporta le specifiche che ora elenco.....

230v 50Hz 75VA/40W
36v 700mA 25.2VA
Nicd battery min 1A
Doppio isolamento
Trasformatore schermato
Una specie di s126 gradi.

Da quanto dovrei mettere il termico?
Il vecchio e impacchettato tra gli avvolgimenti, io lo metto esterno perché non
ho accesso alla posizione attuale.

Grazie mille
LAB 9 Ago 2017 15:35
Se il fusibile termico si è bruciato, i cavi sono diventati viola, il
mosfet diventa bollente e qualche cosa si è messa a fumare, non ritieni
che sia opportuno trovare il guasto e aggiustarlo, prima di provocare
una esplosione termonucleare globale?...
Memmeddu 9 Ago 2017 17:06
LAB scrive
>Se il fusibile termico si è bruciato, i cavi sono diventati viola, il
>mosfet diventa bollente e qualche cosa si è messa a fumare, non ritieni
>che sia opportuno trovare il guasto e aggiustarlo, prima di provocare
>una esplosione termonucleare globale?...

Si credo anche io :-)

Era un *****do bruciato che causava tutto quel ******* li, adesso lo ho
sostituito con un più grosso per essere sicuri (non è vero lo ho messo perché
avevo solo quello)
Quello che ho descritto male io è un interruttore termico normalmente chiuso,
che non funziona più e per adesso lo ho bypassato.
Si trova tra gli avvolgimenti del trasformatore e non nella scheda.
Per quanto riguarda i cavi li ho eliminati e ho saldato direttamente sulla
porzione di rame sana
LAB 9 Ago 2017 19:08
Il 09/08/2017 17:06, Memmeddu ha scritto:
> Era un *****do bruciato che causava tutto quel ******* li, adesso lo ho
sostituito con un più grosso per essere sicuri (non è vero lo ho messo perché
avevo solo quello)

Bravo. Così va meglio e stiamo tutti più tranquilli :-)
Il fusibile termico rimetticelo, però. Se non puoi rimetterlo proprio
dove stava, potresti metterne come puoi uno a 60°.
Memmeddu 9 Ago 2017 19:59
LAB scrive
>> Era un *****do bruciato che causava tutto quel ******* li, adesso lo ho
sostituito con un più grosso per essere sicuri (non è vero lo ho messo perché
avevo solo quello)
>
&Bravo. Così va meglio e stiamo tutti più tranquilli :-)
>Il fusibile termico rimetticelo, però. >Se non puoi rimetterlo proprio
dove stava, potresti metterne come puoi uno a 60°.

Secondo te va bene così basso?
Non è che interrompe la carica in modo stupido?
Praticamente toglie l'alimentazione della 230, togliendo totalmente la corrente
all'interno sistema
zio bapu 10 Ago 2017 18:24
Il giorno mercoledì 9 agosto 2017 19:59:05 UTC+2, Memmeddu ha scritto:
> LAB scrive
>>> Era un *****do bruciato che causava tutto quel ******* li, adesso lo ho
sostituito con un più grosso per essere sicuri (non è vero lo ho messo perché
avevo solo quello)
>>
> &Bravo. Così va meglio e stiamo tutti più tranquilli :-)
>>Il fusibile termico rimetticelo, però. >Se non puoi rimetterlo proprio
> dove stava, potresti metterne come puoi uno a 60°.
>
> Secondo te va bene così basso?
> Non è che interrompe la carica in modo stupido?
> Praticamente toglie l'alimentazione della 230, togliendo totalmente la
corrente all'interno sistema

C'e' spazio tra l'avvolgimento e il nucleo?
Se si, lo si puo' comperare e infilarlo dentro.
Alcuni miei trasformatori avevano un cassettino, sotto, e dentro un fusibile da
125°.

mandi
Memmeddu 10 Ago 2017 20:44
Zio bapu scrive
>C'e' spazio tra l'avvolgimento e il nucleo?

Si c'è ma, c'è pure tutto il pancake di plastica che unisce tutto, non ho
accesso li.

>Se si, lo si puo' comperare e infilarlo dentro.
>Alcuni miei trasformatori avevano un cassettino, sotto, e dentro un fusibile da
125°.

L'idea è quella sfruttare lo spazio tra avvolgimenti e plastica (che sembra
appunto un cassettino), temperatura non ho idea di quale scegliere per il
miglior risultato, (a che temperatura fonde lo smalto del rame?) , così da
permettere di poter usa il nostro caricabatterie più a lungo possibile.
Una batteria da 2Ah la carica in mezz'ora,minuto più minuto meno.
Quindi non è un interruttore termico, ma bensì un termofusibile?
vozzologiuseppe@gmail.com 11 Ago 2017 10:30
Il giorno mercoledì 9 agosto 2017 15:01:47 UTC+2, Memmeddu ha scritto:
> Ho un problema con un caricabatterie HILTI CU10.
> Lo ho aperto e ho trovato il termico del trasformatore interrotto, lo ho
bypassato per fare una prova e si è acceso, non mi dava uscita però.
> Ho aperto e ho trovato i tracciati diretti alla batteria valorizzati, allora
ho saldato dei cavi da 1mmq seguendo tutte le tappe, e mi dava uscita, il
caricatore lampeggiava come è giusto che sia però dopo un po' ho notato del
fumo, il cavi che ho messo sono diventati viola.
> Inoltre c'è un dissipatore di un mosfett che diventa bollente.
>
> Voi cosa mi consigliate, che sezione di cavo mi consigliate di usare?
> Il caricatore riporta le specifiche che ora elenco.....
>
> 230v 50Hz 75VA/40W
> 36v 700mA 25.2VA
> Nicd battery min 1A
> Doppio isolamento
> Trasformatore schermato
> Una specie di s126 gradi.
>
> Da quanto dovrei mettere il termico?
> Il vecchio e impacchettato tra gli avvolgimenti, io lo metto esterno perché
non ho accesso alla posizione attuale.
>
> Grazie mille


nello stesso caricatore hilti nella versione più vecchia portava una ptc c830
Memmeddu 11 Ago 2017 14:48
Vozzolo scrive
>nello stesso caricatore hilti nella versione più vecchia portava una ptc c830

Chiedo scusa, ma questa ptc c830 (che cercherò appena posto il messaggio) è un
interruttore termico, oppure un termofusibile?

Poi una mia personale curiosità...
Se sai che c'era quel componente, vuol dire che ne hai aperto uno, che quindi
era guasto, sai se potrebbe esserci qualcos'altro che può darmi problemi?

Grazie, vorrei eseguire questo lavoro in modo molto scrupoloso, è di un fabbro
che mi sta dando molto lavoro, che oltretutto è grande amico di mio padre.
ferrando@libero.it 14 Ago 2017 13:19
Il giorno venerdì 11 agosto 2017 14:48:29 UTC+2, Memmeddu ha scritto:
> Vozzolo scrive
>>nello stesso caricatore hilti nella versione più vecchia portava una ptc
c830
>
> Chiedo scusa, ma questa ptc c830 (che cercherò appena posto il messaggio) è
un interruttore termico, oppure un termofusibile?
>
>
https://www.google.de/search?q=ptc+c830&oq=ptc+c830&aqs=chrome..69i57&sourceid=chrome&ie=UTF-8
Memmeddu 15 Ago 2017 10:24
Il14 ago ferr...@libero.it scrive
>Il giorno venerdì 11 agosto 2017 14:48:29 UTC+2, Memmeddu ha scritto:
>> Vozzolo scrive
>>>nello stesso caricatore hilti nella versione più vecchia portava una ptc
c830
>>
>> Chiedo scusa, ma questa ptc c830 (che cercherò appena posto il messaggio) è
un interruttore termico, oppure un termofusibile?
>>
>>
>https://www.google.de/search?q=ptc+c830&oq=ptc+c830&aqs=chrome..69i57&sourceid=chrome&ie=UTF-8


Leggo termistore a lamine metalliche di ******* da sovracorrente.....
In pratica un klixon :-)
ferrando@libero.it 15 Ago 2017 14:45
Se Tu lo hai letto sarà vero...
zio bapu 15 Ago 2017 16:43
Il giorno martedì 15 agosto 2017 10:24:31 UTC+2, Memmeddu ha scritto:
> Il14 ago ferr...@libero.it scrive
>>Il giorno venerdì 11 agosto 2017 14:48:29 UTC+2, Memmeddu ha scritto:
>>> Vozzolo scrive
>>>>nello stesso caricatore hilti nella versione più vecchia portava una ptc
c830
>>>
>>> Chiedo scusa, ma questa ptc c830 (che cercherò appena posto il messaggio)
è un interruttore termico, oppure un termofusibile?
>>>
>>>
>
>https://www.google.de/search?q=ptc+c830&oq=ptc+c830&aqs=chrome..69i57&sourceid=chrome&ie=UTF-8

>
> Leggo termistore a lamine metalliche di ******* da sovracorrente.....
> In pratica un klixon :-)

No:
http://www.alldatasheet.com/datasheet-pdf/pdf/567378/EPCOS/C830.html

Secondo me non va bene perche interromperebbe il circuito dopo la fusione del
trasformatore con cortocircuito sugli avvolgimenti.

Il fusibile termico invece interrompe il primario al surriscaldamento esagerato.

Ne dovresti trovare uno dentro i pacchi (esauriti) delle batterie al litio, ha
la forma di una supposta di metallo.

mandi
BruAnt 15 Ago 2017 21:27
Io ho visto nei caricabatterie semplici (trasformatore, *****di e nient'altro)
inserito tra pacco lamellare ed avvolgimenti un parallelepipedo cavo, nero,
piatto con 2 reofori.
I 2 reofori erano di materiale elastico e saldabile, sagomati in modo da
separarsi in caso di fusione della goccia di stagno che univa le due punte.
Infatti uno era saltato, l'ho risaldato con una goccia minima di eutettico SnPb
63/37, la lega piu' bassofondente che avevo, si e' rimesso a funzionare ed e'
ancora OK.
Non ho mai aperto quelli professionali, avrei un Bosch blu da esplorare, ma
finche' va bene, non lo tocco.

>>>>>nello stesso caricatore hilti nella versione più vecchia portava una
ptc c830
>>>> Chiedo scusa, ma questa ptc c830 (che cercherò appena posto il
messaggio) è un interruttore termico, oppure un termofusibile?
I termofusibili utilizzati in automotive come ******* anti incen***** (su
elettroventilatori) sono dei cilindretti da 3-4 mm di diam x 15-16 mm, simili ai
vecchi elettrolitici assiali degli anni 70-80, con la temperatura di intervento
scritta sopra, sono precisi, ma non sono riparabili.
Salutoni

Links
Giochi online
Dizionario sinonimi
Leggi e codici
Ricette
Testi
Webmatica
Hosting gratis
   
 

Passione per l'elettronica | Tutti i gruppi | it.hobby.elettronica | Notizie e discussioni elettronica | Elettronica Mobile | Servizio di consultazione news.